Pinterest e il marketing di Natale


Perché usare Pinterest per le proprie promozioni natalizie?

image

Alcuni buoni motivi:

Per il tasso di conversione del traffico che da Pinterest è superiore al 50% rispetto ad altre fonti di traffico, Pinterest porta quindi più traffico al tuo sito.
Perché gli utenti Pinterest hanno speso circa 2,1 miliardi di minuti sul sito nel 2012, con una percentuale di presenza femminile che supera il 70% dell’intero audience. 
Perché i pin che includono il prezzo ricevono il 36% di like in più rispetto a quelli carenti di questa informazione. .
Perché da Maggio 2012, il traffico su Pinterest è più che raddoppiato.
Perché circa 7 consumatori su 10 hanno trovato qualcosa da acquistare o che avrebbero voluto acquistare su Pinterest , su Facebook questo riscontro è molto più basso, solo il 40% degli utenti ha un feedback di questo tipo.
Per il 70% degli utenti di Pinterest che usa questo social network come fonte d’ispirazione per gli acquisti.
Perché più del 20% degli utenti Facebook sono su Pinterest quotidianamente.

Infine perché le Pinlady, forza maggiore di questo social network, usa Pinterest durante le feste natalizie nelle seguenti interessanti proporzioni:

60% per trovare idee regalo
26% per creare una “wish list” da condividere con amici e parenti 
23% per pubblicare immagini dei regali acquistati o realizzati per parenti e amici 
36%  per fare ricerche su regali che si stanno valutando per parenti e amici 

Come usare Pintrest per la propria “strategia di marketing Natalizia” 

1.  Creare una board a tema natalizio

Traendo ispirazione dai decori di natale, dalle ricette, dalle idee regalo ma senza dimenticare l’originalità del pin e la sua completezza fatta anche dall’inserire il prezzo dell’articolo!

image

2.  Xmas Contest – Pin it to Win it!

Create un contest per il quale gli utenti possano “pinnare” le immagini sulla vostra board per partecipare al concorso. L’immagine con il maggior numero di repin decreterà il vincitore del concorso che si aggiudicherà il premio in palio. Un’idea semplice che, se condita con originalità e correttamente veicolata, potrà dare slancio alle vostre promozioni natalizie.

image

3.  Realizzare delle promozioni dedicate a Pinterest

Proponi su Pinterest delle promozioni mirate, relative al target ed agli oggetti più diffusi su questo social network, collega i pin ai prodotti sul tuo sito e applica un “bonus” per chi raggiunge il prodotto tramite il pin. In questo modo potrai comprendere meglio qual’è il legame tra il prodotto e Pinterest o anche tra l’acquisto del prodotto ed il social network nel caso di un sito e-commerce ed interpretare quindi il ritorno sull’investimento.

image

il presente articolo è stato tratto da "Pinterest Marketing Tips: holiday Strategy"

Pinterest: nasce l’esigenza di un‘“estetica dei pin”?

Da qualche tempo ho notato una mia reticenza nel cliccare su link provenienti da Pinterest rintracciati tramite altri social network. Mi chiedevo perché, perché vedendo un link “pinterestiano” ad esempio su twitter il mio istinto fosse quello di evitare di aprirlo? Non riuscivo a mettere a fuoco il problema fino a quando non mi è passato davanti un tweet di  Rosa Giuffrè con  tema “il pin perfetto”, post che condivido a pieno dato che spesso l’esperienza Pinterest risulta deludente a causa della superficialità con cui vengono inseriti i contenuti.  

A questo punto quel fastidio ha preso forma ed è diventata una sorta di autocritica al modo di usare Pinterest da parte di molti di noi, me compresa, soprattutto nel settore del social media marketing. In sostanza una volta difronte ad un tweet contenente un link a Pinterest mi sono chiesta:

Perché per arrivare a leggere “quel” post dovrei cliccare su di un link che mi porta ad un pin la cui immagine non aggiunge e non anticipa nulla e pergiunta mi costringe ad un ulteriore click per raggiungere finalmente il contenuto desiderato?

Continua a leggere su InTime

Pinterest introduce le secret board

Le nuove board sono disponibili alla fine dell’elenco di board sul profilo, sono un massimo di tre e il filtro “secret” è attivabile direttamente al momento della creazione di una nuova board.

Secret Board Pinterest

Tecnicamente niente di complicato, i pin aggiunti su queste board non saranno visibili nel newsfeed.

La cosa che mi è parsa subito interessante è la possibilità di realizzare progetti collaborativi attraverso queste nuove board, raccogliere informazioni in rete insieme ai collaboratori, commentarle e avere la possibilità di “visualizzarle” in un unica vetrina del tutto invisibile a chi non dev’essere a conoscenza di tale informazioni.

Trovo che sia un’opportunità “creativa” molto interessante, ancor di più se ci aggiungiamo il fatto che il progetto in questione potrebbe riguardare direttamente una campagna di visibilità da realizzare proprio attraverso Pinterest.

Secret Board per progetti collaborativi

N.B. Unitamente a questa novità Pinterest ha modificato anche la Privacy Policy, dateci un’occhiata! ;)

Quali altri utilizzi per queste board vi vengono in mente?

Pinterest: verifica il tuo url

Beatrice Nolli (@bnolli) ha twittato alle 9:33 m. on ven, ott 26, 2012: #Pinterest verificare il proprio url tra le impostazioni per renderlo cliccabile.”Verifying Your Website http://t.co/ssBu6pTw" (https://twitter.com/bnolli/status/261732222078447617) Scarica l’app ufficiale di Twitter su https://twitter.com/download

Riporto il mio commento all’articolo come riflessione sullo stato dell’arte di Pinterest:

Concordo con le posizioni di Chiara in merito ai casi “di successo” ed al futuro di Pinterest, proprio per questo futuro però mi aspetto alcune novità che stentano ad arrivare, in primis un sistema di statistiche che insieme alle brand pages è necessario per poter dare a Pinterest lo spazio che merita nell’ambito di una strategia di marketing. Ben venga la gestione degli utenti e le notifiche, ultime novità in casa Pinterest, ma siamo ancora un po’ lontani dalle realtà aziendali che, come tutti sappiamo, sono fatte di numeri. Infine anche fronte mobile c’è ancora molta strada da percorre, ma su questo aspetto è ancora in buona compagnia. In sintesi mi aspetto un’apertura verso le aziende quanto prima, sono una Pinlady, credo nel prodotto Pinterest ma non senza spirito critico! :) Grazie Chiara per aver dato importanza al nostro amato social network.

Pinterest, il potere delle immagini

Adesso mi dedico alla lettura dell’ebook di Chiara “Pinterest, il potere delle immagini”, buona lettura a tutti.

Aggiungerei anche “everytime”?

Pinterest

Per me la risposta è no. Non tutto serve a tutti in qualsiasi momento. Ogni brand ha la sua peculiarità o il suo punto di forza che si evolve con il momento storico in cui esso si trova.

Quindi l’analisi è fondamentale prima di intraprendere una qualsiasi strada.

Detto questo se Pinterest risulta utile allora la strada della creatività dev’essere imboccata e percorsa a lungo per ottenere risultati,non trovate?

Com’è andato l’esperimento di Pinterestitaly e quali sono le conclusioni da trarre? Parliamone sul loro blog… l’Italia è un Paese “social divide”?

E voi Pinterestiani quali brand vorreste sul vostro social preferito?
Personalmente vorrei vedere Nutella alle prese con Pinterest e mi stupisco che questo brand cosí forte su Facebook e cosí “pinterestiano” per natura, non abbia ancora un suo spazio per farci venire l’acquolina in bocca! :)

Per il momento sembra solo un clone, da ieri in prova per alcuni big brand…ma da Facebook c’é da adpettarsi di tutto.
É evidente quindi che “il sistema Pinterest” a gola a molti ma a mio avviso é altrettanto evidente che ogni luogo ha la sua peculiaritá. Se é vero che Facebook é eneralista per me non é altrettanto vero che possa “contenere” tutto.